Viaggiatori Genuini

Slow Travel

Luoghi da assaporare con calma

Langhe in autunno scollinando tra i vigneti

Distese di vigne in filari accuratamente organizzati ornano a perdita d’occhio le colline comprese tra le provincie di Cuneo ed Asti, interrotte soltanto da borghi, casali, torri e castelli medioevali. Scollinare nelle Langhe in autunno tra i vigneti è un’esperienza che tutti dovrebbero fare almeno una volta nella vita, perché la sensazione unica di trovarsi immersi in un ordinatissimo mare di filari è straordinariamente emozionante.

Le Langhe

Langa. E’ un territorio che conosco bene, d’altra parte qui nei dintorni sono nati mia mamma e mio papà, ed è ovvio che io mi ritenga una piemontese Doc. Nella mia testa, dal punto di vista paesaggistico, ho sempre fatto un po’ combaciare Langhe, Roero, Monferrato e Astigiano, e in effetti gli scenari che si presentano tra i confini di queste diverse zone, sono naturalmente armonizzati.

Gli spettacoli naturali langaroli che si possono ammirare, presentano un equilibrio e una continuità tali che non a caso sono stati riconosciuti nel 2014 come parte integrante del Patrimonio Mondiale dall’UNESCO.

Langhe in autunno

In autunno le scene che ci offrono i filari, è impagabile. Il periodo è di transizione: siamo infatti nel momento della vendemmia, anche se tra le viti di uva più tardiva si riescono ancora a scorgere gli ultimi grappoli contornati dai colori rossastri, giallastri e verdastri delle foglie oramai in procinto di cadere. Ma c’è di più.

La vendemmia

E’ in autunno che si possono osservare gli uomini e le donne al lavoro mentre vendemmiano, i trattori rombanti su e giù per i pendii e i mucchi di cassette piene di questi meravigliosi frutti pronti per essere caricati e condotti alla pigiatura.

I colori dell’autunno accompagnano questi rumori e questi movimenti frenetici come deliziose note musicali che riesci non solo a sentire, ma anche osservare, toccare, odorare, assaggiare: e ti fa subito venir voglia di visitare qualche cantina per assaggiare un buon vino. O anche più di uno.

I vitigni

Il territorio della Langa dà vita a molti vitigni tra i quali, tanto per citarne qualcuno, ci sono senz’altro nebbiolo, barbera, dolcetto, arneis, nascetta, moscato, utilizzati per produrre gli omonimi vini.  

Fin da piccola ho sentito parlare della produzione vitivinicola della zona e delle varie etichette più o meno famose che producono ed esportano vini riconosciuti tra i più importanti del mondo.

Io però sono un’appassionata di bollicine. Quindi ovunque mi rechi, sono sempre alla ricerca degli spumanti locali, e qui se ne possono trovare di davvero ottimi. In questi territori infatti è nato il progetto Alta Langa Docg: spumante brut del Piemonte metodo classico bianco o rosé fatto di uve Pinot Nero e Chardonnay in purezza o in concomitanza.

I borghi

Io lo considero un grandissimo privilegio poter gironzolare su e giù per le colline langarole a piedi, in macchina, in bici: ad ogni nuovo passo o chilometro si possono ammirare i piccoli borghi dove il tempo sembra essersi fermato.

In un battito di ciglia ci si ritrova in un mondo passato, circondati da strade ciottolate, terrazzamenti, piazze, e ci si perde in ogni particolare. Dai un’occhiata qui per ammirare Neive.

Un po’ ovunque sembrano riaffiorare, per farsi ammirare, dettagli di un tempo lontano, oramai un po’ dimenticato…da noi. Perché chi vive qui, invece sa molto bene cosa significhino il tempo oramai trascorso e tutto ciò che ha resistito fino ad oggi: storia, cultura, costruzioni, tradizioni.

E questa consapevolezza fa sì che in queste zone si lotti per conservare molto bene l’eredità passata, anzi si continui a migliorarla, valorizzarla e sfruttarla in maniera sostenibile.

Il lavoro qui è duro, non conosce stagioni e spesso nemmeno le feste, come ci ha confessato un’operatrice del settore vitivinicolo che abbiamo incontrato durante una degustazione, ma è appagante. Nulla è affidato al caso, ma è frutto di conoscenze e specializzazioni serie, e il risultato per chi come noi viene a visitare la zona è chiaro. La natura inoltre fa la sua parte, e i tramonti qui sono spettacolari.

Un viaggio sensoriale

Su ruote o a piedi, in bici, in gruppo o da soli, uno scollinamento in Langa è sempre molto piacevole.

Le conoscenze sulla natura e i segreti di questo periodo dell’anno sono parte integrante del contesto contadino langarolo. E vi assicuro che qui alcuni di questi segreti sono alla portata di tutti.

Si possono assaporare con soddisfazione in un buon bicchiere di vino e in un piatto di agnolotti del plin. Proprio come li faceva mia mamma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividiamo informazioni, esperienze e idee slow con chi desidera ritrovare il piacere di vivere e viaggiare in modo semplice, profondo e consapevole.

Slow Letter

Slow Letter è la newsletter per cuori affini che hanno deciso di ritrovare il piacere di vivere e viaggiare con consapevolezza e in profondità. Su Slow Letter troverai la bussola che ti aiuterà a semplificare la vita, rallentarla e intraprendere la strada che più sentirai tua.

Ultime pubblicazioni