PELLEGRINAGGIO ALLA GROTTA DI OULX

In Valle di Susa per la precisione ad Oulx, c’è una grotta naturale di notevoli dimensioni dove nel 1967 è apparsa per la prima volta la Madonna.

LA VEGGENTE E LA STORIA DELLE APPARIZIONI

La veggente che in questo luogo ha incontrato l’Immacolata si chiamava Lucia Cassino ed era una semplice donna del popolo, moglie e madre di famiglia, quattro figli, cagionevole di salute, ricca di fede e che già negli anni della fanciullezza aveva avuto delle premonizioni.

Dopo un viaggio a Lourdes si accorgerà che le sue condizioni fisiche saranno straordinariamente migliorate e così la sua spiritualità si intensificherà. Nel 1967, quasi in analogia con Lourdes e guidata di un impulso superiore, sarà attirata proprio alla grotta di Oulx della quale non conosceva l’esistenza, seguita da un gruppo di persone che curiose l’avevano notata nel suo stato estatico. Arrivata alla grotta Lucia resterà in contemplazione e la Madonna le chiederà di erigere proprio lì una cappella e un pozzo dal quale dovrà sgorgare acqua miracolosa. Chiederà anche penitenza e che si faccia pellegrinaggio alla grotta per chiedere la Grazia per tutta l’Umanità. Lucia senza sforzo alcuno poserà una grossa pietra al centro del luogo proprio dove l’Immacolata aveva posato i suoi piedi.

Da allora avverranno altre apparizioni, ben 32, e il rapporto che si instaurerà tra la veggente e l’Immacolata diventerà intimamente mistico, tanto da segnarla in maniera irreversibile. L’Immacolata le lascerà dei messaggi che lei puntualmente trascriverà. La Chiesa non riconoscerà quanto accaduto, anzi le chiederà di rinnegare quanto successo o raccontato, ma Lucia non ritratterà mai nulla e alla morte del consorte si consacrerà completamente a Dio rinchiudendosi in un monastero dove vivrà fino alla fine dei suoi giorni, giunta nel 2002.

Da parte della Chiesa non c’è stata ancora nessuna pronuncia sull’autenticità delle apparizioni, ma questo non ha di certo scoraggiato i numerosi fedeli e pellegrini che qui si recano per ammirare, pregare e chiedere la Grazia all’Immacolata.

IL LUOGO

La grotta di Oulx è sul monte Seguret ad Oulx in frazione Beaume. E’ un sito naturale raggiungibile da Torino:

Autostrada A32 Torino – Bardonecchia, uscita Oulx Ovest seguire Bardonecchia ma deviare verso Torino per circa 1 km dove si noterà l’indicazione GROTTA DELLA BEAUME

SS 24 del Monginevro, superare la deviazione Oulx e proseguire sulla SS 335 verso Bardonecchia fino alla frazione Beaume e prendere la deviazione GROTTA DELLA BAUME

Subito dopo si potrà parcheggiare e proseguire a piedi.

La visita è possibile tutto l’anno e il sito è pubblico. La salita alla grotta è possibile tramite la scala oppure seguendo il sentiero parallelo. La grotta è bellissima, ben nascosta dal fitto bosco. L’acqua sgorga da ogni anfratto e il sito è sempre molto ordinato. Durante la salita ci si può riposare su una della panchine di legno appositamente posizionate per pregare o sostare. I roseti sono sempre molto curati. L’Immacolata è nella grotta ai piedi della quale ci si può raccogliere in preghiera e contemplazione. Ovunque ex voto e ringraziamenti dei fedeli che hanno ottenuto la Grazia.

La grotta domina la vallata, di fronte ad essa si possono ammirare Oulx, Sauze d’Oulx e tutta la montagna circostante.

Per recarsi in pellegrinaggio o visita, consultare il sito apposito così da avere le informazioni utili al momento e sempre aggiornate: L’Immacolata della Grotta di Oulx

Gli accompagnatori di Nordovest NoLimits Onlus, previo appuntamento, sono disponibili ad accompagnare i diversamente abili fino alla grotta grazie ad una carrozzina specifica per fuoristrada.

CONSIGLIO GENUINO

Cliccate qui per guardare il video della salita sul nostro canale YouTube!

Text and images by Orietta Renaudo, feb 2021

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here